Archivio per dicembre, 2012

Kids hugging

Un abbraccio mi è sembrata l’immagine migliore per concludere questo 2012.

Un abbraccio per chi ha letto anche uno soltanto dei miei articoli. Per chi ha dato fiducia a questa creatura che ho ribattezzato Sliding Scope. Per chi ho incontrato casualmente sul mio cammino e m’ha dato consigli preziosi per continuare questo percorso. Per le belle amicizie che ne sono nate offline, partendo da un semplice confronto di idee.

Un abbraccio anche a chi di fiducia è stato avaro… tutto è servito a rendermi più forte, da un punto di vista personale e professionale.

Il 2012 è stato l’anno della semina e dei primi frutti. Nel 2013, per ciò che riguarda la comunicazione integrata corporate sui social network. che è l’ambito di cui mi occupo, ci sarà da sfrondare, imparare – perché ho come l’impressione che i vari social diventeranno sempre più bipolari -, correggere e consolidare. E, impegni permettendo, cercherò di continuare a dare il mio contributo. 😉

Buon 2013, da un’anima nerd!

Annunci

facebook-privacy-liste

“Questo non lo pubblico perché chissà che penserebbe la mia fidanzata!” “Ma non voglio essere taggato da quel mio simpaticissimo amico nelle foto dei party più kool a cui sono andato!” “Che sbatta tutte quelle foto e messaggi che ricevo da quella fanpage.. è stalking!”

Amici, mettere a cuccia Facebook è semplice. Ogni giorno diamo l’amicizia a nuovi equivoci personaggi, o pigiamo il “Mi piace” sulle più svariate fanpage che ci fanno divertire, o che ci vengono proposte su suggerimento di altri. Risultato: il News Feed – la bacheca dove visualizziamo tutti gli aggiornamenti di stato e le foto – invaso come nemmeno l’Europa ai tempi della calata degli Unni di Attila. Oppure condividiamo con il mondo pensieri fin troppo personali, che magari confideremmo a una cerchia ristretta di persone. Sugli effetti di questa mirabolante furbizia, sorvoliamo. Quello di cui molti non sono a conoscenza è che personalizzare la visibilità dei nostri e degli altrui status update è possibile, e non richiede chissà quali competenze da nerd!

continua a leggere