La cover photo della Pagina Caffè Borghetti su Facebook

La cover photo della Pagina Caffè Borghetti su Facebook

Come può un brand italiano con oltre 150 anni di storia alle spalle farsi apprezzare anche dai ragazzi di oggi? Semplice, attraverso le tecnologie digitali e le piattaforme web 2.0!

Fratelli Branca, celeberrima azienda di liquori e amari, ha creduto fortemente nelle opportunità del digitale, e ha pianificato lo sbarco su Facebook per una delle sue bevande storiche: Caffè Borghetti.

Già esistevano pagine non ufficiali, ma una su tutte era riuscita a conquistare il cuore dei fan: nel giro di un paio d’anni, Giovanni e Andrea hanno fatto crescere la loro pagina fino a ottenere 40.000 fan! Branca ha trattato la cessione della Pagina all’azienda, ringraziando i due fondatori con una visita al Museo presso le Distillerie Fratelli Branca di Milano.

continua a leggere

registro-attività-facebook

So bene che il cotechino e il pandoro stanno ancora facendo a cazzotti dentro di te… ma i festeggiamenti sono ormai alle spalle, un nuovo anno è iniziato, ed è cosa buona e giusta riprendere subito il discorso da dove l’avevo lasciato.

Torno a parlarti delle nuove impostazioni della privacy e delle possibilità di personalizzazione del Diario di Facebook. Continuano a ripeterti che tutti possono vedere e leggere tutto su Facebook? LOL. Ignora il terrorismo psicologico, fidati!😉

continua a leggere

Kids hugging

Un abbraccio mi è sembrata l’immagine migliore per concludere questo 2012.

Un abbraccio per chi ha letto anche uno soltanto dei miei articoli. Per chi ha dato fiducia a questa creatura che ho ribattezzato Sliding Scope. Per chi ho incontrato casualmente sul mio cammino e m’ha dato consigli preziosi per continuare questo percorso. Per le belle amicizie che ne sono nate offline, partendo da un semplice confronto di idee.

Un abbraccio anche a chi di fiducia è stato avaro… tutto è servito a rendermi più forte, da un punto di vista personale e professionale.

Il 2012 è stato l’anno della semina e dei primi frutti. Nel 2013, per ciò che riguarda la comunicazione integrata corporate sui social network. che è l’ambito di cui mi occupo, ci sarà da sfrondare, imparare – perché ho come l’impressione che i vari social diventeranno sempre più bipolari -, correggere e consolidare. E, impegni permettendo, cercherò di continuare a dare il mio contributo.😉

Buon 2013, da un’anima nerd!

facebook-privacy-liste

“Questo non lo pubblico perché chissà che penserebbe la mia fidanzata!” “Ma non voglio essere taggato da quel mio simpaticissimo amico nelle foto dei party più kool a cui sono andato!” “Che sbatta tutte quelle foto e messaggi che ricevo da quella fanpage.. è stalking!”

Amici, mettere a cuccia Facebook è semplice. Ogni giorno diamo l’amicizia a nuovi equivoci personaggi, o pigiamo il “Mi piace” sulle più svariate fanpage che ci fanno divertire, o che ci vengono proposte su suggerimento di altri. Risultato: il News Feed – la bacheca dove visualizziamo tutti gli aggiornamenti di stato e le foto – invaso come nemmeno l’Europa ai tempi della calata degli Unni di Attila. Oppure condividiamo con il mondo pensieri fin troppo personali, che magari confideremmo a una cerchia ristretta di persone. Sugli effetti di questa mirabolante furbizia, sorvoliamo. Quello di cui molti non sono a conoscenza è che personalizzare la visibilità dei nostri e degli altrui status update è possibile, e non richiede chissà quali competenze da nerd!

continua a leggere

Street Art by Scampi

Immagine tratta da Street Art Attack, Facebook Page

Concedimi l’espressione. Sul web molti soffrono dal complesso del “ce l’ho più lungo io!”. E’ semplice diagnosticare questa inclinazione, sovente il pensiero di chi ne è affetto è riassumibile in una o più di queste espressioni:

  1. “Io sono io, e tu non sei un ca***.”
  2. “Idea geniale la tua, ma qual è il ROI? IL ROI!”
  3. “Ora ti insegno io a diventare qualcuno, con i miei super-segretissimi consigli. In 8 mosse, s’intende!”

Impara a diffidarne. Certo sto estremizzando, con termini che difficilmente ti verranno riferiti in questa salsa. Il succo, però, è questo. Ti chiederai: “E tu che hai da insegnarmi?”. La domanda più centrata sarebbe “Che cos’hai da condividere?”, poiché ad esempio ho svezzato e nutrito questo blog condividendo esperienze, errori e la passione per le nuove tecnologie del web applicate ad un diverso modo di relazionarsi alle persone.

Di recente ho partecipato ad una discussione all’interno del gruppo Social Media Marketing Italia di Linkedin su quali sarebbero le skill più appetibili per un professionista del web. Gli ultimi anni sono stati floridi e disorientanti in questo senso, portando alla ribalta figure come il Social Media Manager, il Community Manager, il Digital PR Specialist, il SEO/SEM Specialist, e la lista potrebbe continuare, pur in una certa sovrapposizione e scivolamento di competenze reciproche.

continua a leggere